Register

User Registration
or Cancel
---

---
A+ A A-

Percorsi Didattici

Quando l'apprendimento passa attraverso il gioco

Il Signor Bonaventura

"I giocattoli sono come delle parole che segnano una realtà trasfigurata nel fantastico. Essi attingono verità dal mondo ma subito se ne distaccano, come se la contaminazione con i modelli reali ne riducesse il senso.
Perciò essi reificano una alterità inesistente ed esclusiva che esiste soltanto nella fantasia; una via di fuga dal temuto possibile che incombe e che ci sorprende - ansiosi - in un angolo della nostra giornata.
Oggetti di un mondo reinventato, appartengono a quei precetti taumaturgici con i quali ciascuno di noi puo' farsi paziente e medico di se, immersi in un gratificante oblio".

da "Dissensi ragionati" di Attilio Cog, ed. Alpes, Milano.

 

Percorso didattico – 1835/1962

Il Modernariato raccontato con i giocattoli, tappe di un museo narrativo sussidiario della programmazione scolastica. I temi narrativi qui descritti sono illustrati nella sezione fotografica.

Photogallery 1

Photogallery 2

 Per prenotare

La Memoria Giocosa
via Vincenzo Coronelli 26/A, al Pigneto, 00176 Roma

Tel./Fax 06 21.700.782
Cell. 320 21.75.820
E-mail This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

  • Il primo giocattolo venne dal mare, era una conchiglia a punta, da cui derivò poi il picchio e, quindi, la trottola;
  • La locomotiva a vapore Adler – aquila –, prima ferrovia in Europa nella Franconia di Ludwig 1° di Baviera, da Furst a Norimberga;
  • La Rivoluzione Industriale, la forza motrice del vapore entra nella fabbrica;
  • La casa della Borghesia e i suoi accessori;
  • Il negozio senza i giocattoli di latta;
  • La scuola secondo gli insegnamenti didattici impostati sul gioco dell’educatore tedesco Friederich Froebel;
  • I libri dell’infanzia e i pop up da Lothar Meggendorfer a Franceschini, Edizioni Mediterranee, Hoepli, Kubasta, Blue Ribbon;
  • I giochi di percorso, detti dell’oca, dal gatto alla locomotiva;
  • Le fiabe, le favole, le avventure fantastiche;
  • Il circo con i clowns e i cavalli;
  • Il circo con gli animali esotici, post coloniale;
  • Le architetture ferroviarie, dalla stazione di Lipsia al Ponte Hell Gate di New York, la ruota panoramica del Prater;
  • La nascita del fumetto, i comics americani raccontati con i giocattoli di latta che ne riproducono i personaggi; il periodo classico dei fumetti da Happy Hooligan a Superman, 1908-1950;
  • La Guerra Civile Americana, 1861, e The General, la locomotiva protagonista di quella guerra, con Buster Keaton nel film del 1927;
  • L’ aeroplano, dalla Cicogna all’aereo passeggeri, al Savoia Marchetti – S81 – il cui stormo Italo Balbo porta a New York e poi a Buenos Aires;
  • I transatlantici;
  • I dirigibili progettati da Graf Zeppelin; il dirigibile Hindeburg – era lungo 280 metri – che si incendia a New York nel 1937;
  • La trasvolata atlantica con l’aereo Spirit of Saint Louis di Charles Lindberg da New York a Parigi, 1927;
  • Le auto della borghesia, le architetture civili; 
  • Le automobili dei records: la Blue Bird del colonnello Campbell, record di velocità nel 1933;
  • I giocattoli dello sport: il pugilato con Joe Louis, Coppi e Bartali, le figurine delle corse ciclistiche;
  • I giocattoli che raccontano il tempo libero: il luna park, la giostra, il venditore di palloncini, l’antenato del flipper, le montagne russe;
  • I soldatini, dai balilla ai bersaglieri;
  • Il cinema, dalla lanterna magica al film, il primo proiettore a manovella;
  • I pompieri che correvano e quelli che avevano l’autoscala;
  • Orchestrine, scuola di ballo, il valzer, i giocattoli musicali;
  • I giochi all’aperto;
  • Storia del gioco e dei giocattoli dai romani al Novecento;
  • Biblioteca dei libri pop up;
  • La biblioteca dell’umorismo;
  • Documentazione iconografica dalle riviste dell’epoca degli eventi sociali, dello spettacolo e della storia del Novecento;
  • Bambole e case di bambole. 

 

Questa cartella "guida alla didattica" contiene la descrizione  di ciascuna delle 20 tappe-giocattolo, tappe che compendiano il racconto museale che si snoda in dettaglio lungo gli oltre 200 piani espositivi del museo, una sorta di riassunto del percorso con i punti di riferimento essenziali: storici, memorialistici, celebrativi, cronachistici, di vita sociale e famigliare, sportivi e industriali, secondo l'ideazione museale didattica messa a punto da Franco Palmieri.
La cartella contiene inoltre il canovaccio per un gioco di maschere e indovinelli. Prossimamente verrà messo in visione il gioco di percorso rieditato da una tavola  dell'800  che il museo ha recuperato in esclusiva, offerto in una confezione d'epoca di grande effetto scenografico e narrativo.
Ad uso dei docenti segnaliamo i saggi tematici "Imparare a giocare per tornare a leggere" (su Fogli n. 332) e "La scuola al museo: formazione e sussidiarietà di un museo dei giocattoli" (Fogli/Faes, 2010).
Due sono stati i corsi di formazione  riservati ai docenti e approvati dall'Ufficio scolastico regionale  con rilascio di attestato valido per le docenze: "La famiglia che gioca insieme resta insieme", (anni 2003-2004) e "Giocare per comunicare", per l'anno scolastico 2005. Le pubblicazioni possono essere  richieste alla direzione del museo.

fortunello

 

  • Il Museo de giocattolo di Roma
Il Museo del Giocattolo di Roma

IL MUSEO DEL GIOCATTOLO IN VIA CORONELLI - La Memoria Giocosa - è un ampio loft al Pigneto arredato in stile casa borghese anteguerra – non una fredda sequela di vetrine – per raccontare con i giocattoli il Modernariato – dalla Rivoluzione industria all'avvento della plastica : la prima locomotiva a vapore, nota come l’Adler – aquila – nella cittadina di Furst in Baviera, nel 1835; la Guerra civile americana, 1861, con la loco a vapore The General ; il dirigibile Hindeburg che si incendia nel New Jersey nel 1937; l'avventura di Charles Lindberg verso Parigi nel 1927 con l’aereo Spirit of St. Louis; il viaggio esplorativo in Madagascar di Andrè Citroen del 1924; la trasvolata atlantica verso il Brasile di Italo Balbo con il trimotore Savoia-Marchetti S-81 del 1930; il Lincoln tunnel sotto l’Hudson del 1930; le architetture dell’iron style: il Ponte di Londra, la ruota del Prater a Vienna, la ferrovia Newiorkese sull’Hell Gate Bridge, la Central Terminal di New York, le stazioni ferrovia...

Read more
next
prev

Dove Siamo

Via Marco Vincenzo Coronelli, 26 00176 Roma

Museo Storico Didattico

Via Marco Vincenzo Coronelli, 26
00176 Roma

Martedì, Venerdì e Sabato:
10,00-12,00 / 15,00-19,00

Segreteria organizzativa: Eva Ruth Palmieri-Billig
Museo gratuito aperto al pubblico. E' gradita un'offerta volontaria.

La Memoria giocosa - MUSEO PRIVATO Palmieri - Billig - Hoenisberg | Powered by Ielardi Artwork